Diarrea

diarrea

La dissenteria (o diarrea) è una perdita di feci acquose. Una persona con dissenteria in genere defeca più di tre volte al giorno, producendone più di un litro nelle 24 ore. La diarrea in forma acuta è un problema comune che di solito si protrae per 1 o 2 giorni per poi risolversi da sola, senza un trattamento specifico. Una diarrea prolungata che dura più di 2 giorni può essere sintomo di un problema più serio che porta con sè il rischio di disidratazione.

La dissenteria cronica può essere causata da una malattia cronica.

Il pericolo maggiore è come detto la disidratazione, il che significa che il corpo viene privato di molti fluidi e questa mancanza non gli permette più di funzionare correttamente. La disidratazione è particolarmente pericolosa nei bambini e negli anziani e deve essere trattata tempestivamente al fine di evitare gravi problemi di salute.

Pazienti di tutte le età  possono manifestare dissenteria e mediamente gli adulti hanno un attacco di diarrea acuta circa quattro volte all’anno.

 

Quali sono le cause?

Gli attacchi acuti di solito sono causati da batteri, virus, parassiti o infezioni, mentre situazioni croniche sono di solito legate a disturbi funzionali come la sindrome da colon irritabile o a malattie infiammatorie intestinali.
Alcune delle più comuni cause di diarrea sono le seguenti:

  • Infezioni batteriche: Diversi tipi di batteri ingeriti attraverso alimenti o acqua contaminati possono provocare la diarrea.
  • Infezioni virali
  • Intolleranze alimentari: Alcune persone non sono in grado di digerire gli alimenti, come alcuni dolcificanti artificiali e lattosio, uno zucchero presente nel latte.
  • Parassiti: I parassiti possono entrare nel corpo tramite il cibo o l’acqua e stabilirsi nel sistema digestivo.
  • Reazione ai farmaci: Antibiotici, farmaci per la pressione arteriosa, chemioterapici ed antiacidi contenenti magnesio possono provocare diarrea.
  • Malattie intestinali: Malattie infiammatorie intestinali, colite, morbo di Crohn e malattia celiaca spesso portano alla diarrea.
  • Disturbi funzionali all’intestino. La diarrea può essere un sintomo della sindrome da colon irritabile.

 

Quali sono i sintomi?

La diarrea può essere accompagnata da:

  • crampi,
  • dolore addominale,
  • gonfiore,
  • nausea,
  • un urgente bisogno di usare il bagno.

A seconda della causa, una persona può avere febbre o feci con tracce di sangue.

La diarrea può causare disidratazione, il che significa che il corpo ha perso troppi fluidi e troppi elettroliti e non può funzionare correttamente. La disidratazione è particolarmente pericolosa nei bambini e negli anziani, che devono essere trattati immediatamente per evitare gravi problemi di salute.
 

Quali sono le cure?

Nella maggior parte dei casi di dissenteria si deve semplicemente reintegrare i liquidi persi. I farmaci che bloccano la diarrea possono essere utili, ma non sono raccomandati per le persone in cui il disturbo  è causato da un’infezione batterica od un parassita. Se la diarrea si arresta prima di aver eliminato la causa, si ottiene solo di prolungare il problema intrappolando i parassiti nell’intestino. I medici possono prescrivere antibiotici nei casi di infezione batterica, mentre le infezioni virali richiedono altri farmaci ancora.

Fino a quando c’è dissenteria, è importante evitare la caffeina, prodotti lattiero-caseari e prodotti alimentari che grassi, ad alto contenuto di fibra o molto dolci. Questi prodotti alimentari tendono ad aggravare la diarrea.

Con i primi miglioramenti è possibile aggiungere alimenti teneri comprese le banane, riso, patate lesse, pane tostato, cracker, carote cotte, pollo al forno senza pelle o grasso.

Per i bambini, il pediatra può raccomandare una dieta particolarmente leggera. Una volta che la diarrea si è fermata, il pediatra probabilmente incoraggerà  i bambini a tornare a una normale e sana alimentazione, ammesso che questa possa essere tollerata.

Il Farmacista Consiglia

Mostrando 1–18 di 24 risultati

Mostrando 1–18 di 24 risultati